venerdì 17 luglio 2015

Recensione: "L'Alba dei Papaveri" di Adua Biagioli Spadi

Buon venerdì lettori, pronti a questo nuovo caldo weekend? Oggi sarà una giornata molto ricca e iniziamo subito con una recensione a cui tengo particolarmente. L'autrice mi ha inviato gentilmente una copia della sua raccolta di poesie per la lettura e con piacere voglio parlarvene.
E' la prima volta che in questo blog si parla di poesia e cercherò di farlo nel modo più naturale che mi rispecchia. In questa recensione voglio comunicarvi ciò che queste poesie mi hanno dato, anche se devo ammettere non è facile parlarne quando la profondità delle parole mi entra nel cuore.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: L'Alba dei Papaveri
AUTORE: Adua Biagioli Spadi
EDITORE: La Vita Felice
PAGINE: 88 pg
PREZZO: 12 euro

Link Acquisto: QUI!

DESCRIZIONE:

Frutto di un lavoro durato dal 2007 al 2014, la raccolta è nata da un’esigenza di “parlarsi” e successivamente di parlare, da un dialogo dell’autrice prima con se stessa e successivamente con l’altro, da una ricerca prima di valutazione e poi di condivisione su temi nei quali viene data al lettore la possibilità di riconoscersi, di individuare percorsi analoghi.
Poesie d’amore e identità è il sotto titolo indicante due fulcri fondamentali su cui poggia lo sviluppo dei testi: l’amore con tutti i suoi volti, l’identità con la ricerca dei vari aspetti dell’Io relazionato al mondo. I sentimenti, gli stati d’animo, gli interrogativi, le certezze e i dubbi dell’autrice sono divenuti spinta per riflettere, valutare, capire. La vita è concepita come un’avventura magica, preziosa, unica, nella quale il mistero è stupore, la speranza è sostegno vitale.
Ripercorrere la propria vita, per capirne il significato e il senso più profondo, trova spinta e sostanza nel ricordo, inteso dall’autrice come esperienza da “rivivere” con un Io diverso, capace di giusta valutazione e di più pacata riflessione. Il ricordo è, così affrontato, analisi di se stessi, strumento per fare del nostro agire un’esperienza dalla quale trarre insegnamento.
Tutta la raccolta è un percorso, ricco e mirato, che mette a nudo un’anima, quella dell’autrice ma, nel contempo, si fa specchio per il lettore che non mancherà di individuare la propria cifra di confronto.


(dalla prefazione di Ilaria Minghetti)

AUTORE

Adua Biagioli Spadi, Maestra d’arte frequenta il corso di laurea in Lettere moderne presso l’università degli Studi di Firenze e, qualificata Operatrice culturale dal 1995, si dedica alla scrittura e alla poesia Suoi testi sono presenti in numerose antologie e hanno ricevuto interessanti premi e riconoscimenti. L'alba dei papaveri è la sua opera prima.


RECENSIONE

Le poesie di quest'autrice sprigionano immagini vive e ricche di colori. Adua porta l'arte nella poesia lasciandoci le tonalità di ciò che la sua anima percepisce.

"Quando ero bambina
liberi uscivano i miei venti,
gli alberi
nascondevano coralli."

Le parole si intrecciano agli elementi ricreando ciò che l'autrice prova. Poesie che parlano d'amore, di ricordi, di riflessioni verso se stessi o su qualcosa di perduto e di quella bellezza che gli occhi rapiscono dallo sfondo quotidiano.

"Mi scopro ancora infinita 
nell'infinito senso del sentire,
impercettibile un leggero turbamento,
conchiglia trasportata sul fondo del pianto."

Ho ritrovato il suo mondo che lentamente prende forma poesia per poesia. Attimi in cui tutto diventa immobile e il cuore si apre lasciando spazio alla verità che in quel momento spicca e prende ispirazione assorbendo ciò che la circonda.
Le parole diventano certezze, dolore ma anche nostalgia e profondità.

"Tutto sfugge dalla me che sono stata,
come goccia, come acqua,
come biscia dentro l'acqua,
fino a che riprendi la parte che ho più intatta
che fuggita
nel tuo abbraccio si consuma."

L'autrice si smarrisce e si ritrova nelle sue poesie regalandoci una parte di se stessa che non poteva essere descritta con parole diverse.
Questa raccolta mi ha emozionato ed è entrata dritta nel cuore riuscendo a risvegliare ciò che la poesia mi ha sempre dato. Adua nelle sue poesie espone la sua anima ed è davvero bello e intenso quando un vero artista riesce a condividerlo in suo modo personale e speciale.
Vi lascio la mia preferita tra tutte e spero che darete una possibilità a questa raccolta di poesie che merita moltissimo.

RICORDO

"Ricordo di un gusto
il tempo è trascorso.
Risento la memoria salire
nel vento che sciama.
Odo ancora qualcosa tornare,
che distrugge e ricrea nel respiro,
sussurro di un tormento.
Se chiudo gli occhi
ricordo un amore di cera
che risale in un fumo agro dolce,
il nostro fumo
l'amaro di rosse ciliegie di giugno,
sapore andato di un fiore reciso
nell'assenza incastrata dentro.
E' solo un ricordo."


PUNTEGGIO


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog