lunedì 22 giugno 2015

Recensione in pillole: "The Academy" di Amelia Drake (Rizzoli)




Il libro di cui vi parlo oggi era da un po' che lo tenevo d'occhio e finalmente sono riuscita a leggerlo. In questa recensione vi parlerò un po' di ciò che penso di questa lettura ma vi posso già anticipare che mi è piaciuto tantissimo.

SCHEDA DEL LIBRO

TITOLO: The Academy (#1 Libro Primo)
AUTORE: Amelia Drake
EDITORE: Rizzoli
PAGINE: 301 pg
PREZZO: 15 euro

TRAMA

Twelve ha dodici anni e non è mai uscita dall'orfanotrofio Moser, alla periferia della grande città di Danubia. Non sa chi siano i suoi genitori e non ha nemmeno un nome: solo un numero, Twelve, appunto, perché è stata la dodicesima trovatella del suo anno. A Danubia ci sono diciotto Accademie: quella dei Musicanti e quella degli Alchimisti, quella degli Scribi e quella dei Servitori... Ed è proprio questo il sogno di Twelve: frequentare l'Accademia di Servizio e diventare una cameriera, magari una hostess in divisa impeccabile in una delle ville della città. Dopo uno strano esame di ammissione, per Twelve viene finalmente il momento di lasciare l'orfanotrofio e realizzare il suo sogno. Ma la carrozza su cui sta viaggiando finisce nel fiume per un'esplosione: un complotto porta Twelve in un'Accademia ben diversa, che sui registri della città non compare. La Diciannovesima. Nella grande città di Danubia, in un'isola abbandonata, si nasconde infatti una scuola proibita, di cui nessuno conosce l'esistenza. E lei è stata scelta per farne parte.

AUTORE

Della vita di Amelia Drake abbiamo pochi dettagli e nemmeno una foto, anche se l’autrice racconta di non essere molto alta e di avere i capelli neri e un tatuaggio a forma di lacrima alla base del collo. Amelia ama i libri, tanto che nel piccolo appartamento dove vive ne ha accumulati più di diecimila. Scrive usando una penna stilografica d’ottone che si è costruita da sola, e conosce il linguaggio segreto dei ladri. Ha lavorato per molto tempo come cameriera in un ristorante di lusso, e mentre apparecchiava i tavoli ha sentito di dover raccontare una storia: quella di Twelve e dei suoi amici, e della Diciannovesima Accademia.

COMMENTO PERSONALE:

Quando ho letto la trama di questo libro mi sono sentita attratta dall'idea delle "Accademie" e anche dalla storia della protagonista. Twelve è quella protagonista che nelle storie di questo tipo adoro: coraggiosa, intelligente e "diversa".
In questa storia ho ritrovato l'originalità che molto spesso viene a mancare in tantissimi libri di recente pubblicazione. Non posso dirvi molto di più per non rovinarvi la lettura ma questa "Diciannovesima Accademia" ha suscitato in me stupore e una curiosità a livelli molto alti.
Ambientazione, personaggi e vicende sono un mix vincente e molto emozionante.
Considerare questo libro solo per ragazzi è per me svalutarlo, questa lettura è adatta a tutte le età e non vi deluderà. Ho adorato il colpo di scena finale e la narrazione. Non vorrei cambiare nulla di queste pagine e non vedo personalmente l'ora di leggere il seguito.
Lettura molto consigliata, piacevole e scorrevole. La consiglio come intermezzo tra letture più impegnative o anche solo per variare in un genere diverso che vi saprà stupire.
Consigliatissimo.

PUNTEGGIO


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog